"SandPlay Therapy- L'arte del gioco con la sabbia" diventa terapia. Sulla sabbia, attraverso piccoli oggetti e personaggi, viene rappresentato un ‘universo in miniatura’ dove l'inconscio diventa visibile.

Grazie alla sabbia, che viene manipolata, sfiorata, impastata o anche solo osservata, la fantasia può creare quello che vuole, senza giudizio e senza i limiti della razionalità. Sui bambini la Terapia del Gioco con la sabbia mostra ancora più chiaramente le sue potenzialità poiché, loro più di chiunque altro utilizzano spontaneamente il gioco per esprimere angosce e difficoltà molto più della parola.

La SandPlay Therapy, nata come pratica psicoterapeutica infantile, venne utilizzata anche con i genitori dei piccoli pazienti e se ne comprese, così, la potenzialità anche per gli adulti. La dimensione ludica si rivela, quindi, efficacissimo mezzo per aiutare ad esprimere ciò che spesso ci viene difficile verbalizzare.

“Spesso accade che le mani sappiano svelare un segreto intorno a cui l’intelletto si affanna inutilmente”. (C. J. Jung)